top of page

Il mio corpo? Un estraneo

Ora, ritornando alla scoperta di quei lievi difetti, sprofondai tutto, subito, nella riflessione che dunque – possibile? – non conoscevo bene neppure il mio stesso corpo, le cose mie che più intimamente m’appartenevano. Il naso, le orecchie, le mani, le gambe. E tornavo a guardarmele per rifarne l’esame […] come se quel difetto del mio naso fosse un irreparabile guasto sopravvenuto al congegno dell’universo. (Luigi Pirandello, Uno, nessuno e centomila)

Rappresentazione di salvator dalì

13 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Prospettiva

Comments

Couldn’t Load Comments
It looks like there was a technical problem. Try reconnecting or refreshing the page.
  • Instagram
  • TikTok
bottom of page