• ipsimonza

Cyberbullismo, nella piazza virtuale il bullo non conosce orari




IL 7 febbraio è la Giornata Nazionale contro il bullismo (...)


Secondo l'stat, in Italia, tre studenti su cinque sono vittime di violenze o minacce (..)

Più del 50% dei ragazzi tra 11 e i 17 anni riferisce di essere stato vittima di un episodio offensivo, non rispettoso o violento negli ultimi dodici mesi; Il 20% di loro ha detto di aver subito atti di bullismo una o più volte al mese.

Il cyerbullismo  colpisce il 22,2% di tutte le vittime di bullismo.


Più di tutti, sono colpite le ragazze


Il bullismo (...) è un atto di esclusione dalla società di una persona in particolare. Si basa su tre aspetti importanti: intenzionalità, durata, e asimmetria nella relazione. Si può riversare la propria aggressività su qualcun altro perché è magro, grasso, alto, basso, bello, brutto, intelligente, stupido, ha oggetti o abiti che hanno tutti o che non ha nessuno, ha una famiglia con minori capacità economiche e ogni tipo di altra motivazione che può generare una vessazione e una ripetizione della sua presa in giro (...)

e quando il bullo agisce,

un passo dietro di lui,

ha sempre una corte di spettatori e di sostenitori


Il cyberbullismo ha una piazza più ampia rispetto a quella che hanno i bulli fuori dalla rete. 

Si può attuare e perpetrare 24/24 ore,

si espande a macchia d’olio nelle chat, sui social (...)


Non di rado, il cyberbullo si comporta così perché è stato vittima di bullismo a sua volta. Bulli e cyberbulli possono avere avuto un’educazione molto permissiva e non hanno il senso del confine, oppure al contrario possono essere cresciuti all’interno di una famiglia molto rigida e riversare la loro aggressività sui compagni, gli amici, o i conoscenti.


A volte, sono anche gli adulti che si comportano come bulli.

pensiamo a che messaggio riceve un figlio che

vede il genitore sempre parcheggiare in doppia fila, ostacolando l’uscita di un’altra macchina, o che lo sente prendere in giro qualcuno per come si veste, o per ciò che dice. O ancora, vantarsi di avere escluso qualcuno da una chat perché gli stava antipatico per questa o per quell’altra ragione.


Il suggerimento è quello di prestare attenzione

ai cambiamenti dei figli, conoscere i loro amici (...),

invitare i ragazzi a non avere paura di raccontare i loro timori.


Non facciamo l’errore di minimizzare mai quello che ci raccontano i figli con frasi tipo: “Non farci caso, o cosa vuoi che sia?!”.(..)

Non giudichiamo i ragazzi, ma discutiamo dei comportamenti che hanno adottato o subito (...) chiedendo loro: “Come ti fanno sentire le parole che ti ha detto tizio?”, “Tu cosa hai fatto?”


Aiutiamo anche il bullo,

che a sua volta

è vittima anche lui della sua insicurezza

che esprime attraverso l’aggressività: lavoriamo sulle sue debolezze. Sicuramente ne ha tante.


La parola può fare molto per contrastare bullismo e cyberbullismo.

Usiamola bene.


(Giuseppe Lavenia, psicoterapeuta e presidente Ass.ne Naz.le Di.Te. -Associazione nazionale dipendenze tecnologiche, Gap e cyberbullismo-La Repubblica 5 febbraio 2020)

11 visualizzazioni

CONTATTI

  • YouTube IPSI
  • White Facebook Icon
  • Bianco LinkedIn Icon

Via San Martino, 2 - Monza

039/9000724

328 8592228

P. Iva 08172380969

RICHIESTA INFORMAZIONI

Ho letto e accetto i termini del servizio e l'informativa sulla privacy

© 2018 by Istituto di Psicosomatica Integrata 

Web design by Sarah Camerino